Federico Ginato

Navigation Menu

Tribunale di Vicenza – Ministro Orlando annuncia 6 nuovi magistrati

Posted by on 22, lug, 2016 in sulla Stampa | 0 comments

FG_tribunale_ridottaIl Ministro Orlando ha annunciato che, nell’ambito del “Progetto di rideterminazione delle piante organiche del personale di magistratura negli uffici giudiziari di primo grado”, arriveranno al Tribunale di Vicenza 6 nuovi magistrati. Un intervento che avevamo più volte chiesto – l’ultima volta nelle scorse settimane con un’interrogazione alla Camera e al Senato presentata assieme alla senatrice Rosanna Filippin. Ora che l’intervento è stato annunciato, aspettiamo solo diventi operativo il prima possibile perché è una risposta concreta e una vittoria del territorio che per il tribunale si è sempre speso in maniera unitaria e compatta. Questo intervento del Governo tiene conto non solo della grave carenza di personale che affligge da tempo la struttura vicentina, ma anche delle peculiarità della nostra terra. Le interrogazioni e le pressioni fatte trasversalmente anche a livello politico stanno così dando frutti: c’erano già stati interventi di miglioramento, ma finalmente adesso si compie un vero balzo in avanti che avrà benefici diretti sull’efficienza del sistema.

 

Ora ci auspichiamo che le nuove risorse possano arrivare il prima possibile e terremo per questo alta l’attenzione. Il tutto anche in vista dei problemi che potranno esserci con la mole di cause relative alla BpVi: difficoltà rispetto alle quali abbiamo chiesto e ottenuto dal ministro Orlando garanzie di misure straordinarie.

 

Read More

VALDAGNO – DIFESA PUNTI NASCITE DI MONTAGNA RIENTRI NELL’ACCORDO SU RIFORMA SANITÀ

Posted by on 21, lug, 2016 in sulla Stampa | 0 comments

valdagno_ospedale_san_lorenzoUna circolare interna dell’Ulss sembra aver confermato la volontà della Regione di chiudere il punto nascite di Valdagno. Abbiamo appreso così che il presidente Zaia non ha mantenuto la parola data. Tuttavia non dobbiamo rassegnarci. Per questo ho lanciato un appello ai consiglieri regionali di maggioranza e di opposizione di lavorare assieme per inserire la difesa dei punti nascite degli ospedali di montagna tra i temi dell’accordo sulla riforma della sanità in discussione in Regione. Ero e resto a fianco dei sindaci nella richiesta di salvaguardia dei servizi sanitari nella valle.

 

In questi mesi ho più volte incontrato cittadini e amministratori dell’area e ho condiviso con loro la preoccupazione per una chiusura che rischia di impoverire concretamente i servizi dell’area e che pare poco razionale, se non uno spreco, visto anche che parliamo di un ospedale che è stato completato solo nel 2004 e che è dichiarato ‘di montagna’. Alla Regione chiediamo di fare la massima chiarezza sull’evolvere della situazione e su una decisione che deve essere presa nella massima trasparenza. Credo che questo sia un atto dovuto agli abitanti della Valle dell’Agno, degli oltre 15.000 che hanno firmato a difesa del punto nascite e dei 7.000 che lo scorso 25 giugno hanno manifestato.

 

 

Read More

Vicenza – Tangenziale: aggiudicati i lavori da parte di ANAS

Posted by on 20, lug, 2016 in sulla Stampa | 0 comments

Assegnati finalmente i lavori per il primo stralcio della tangenziale di Vicenza. Dopo il lungo pressing parlamentare e un incontro risolutivo con il Presidente ANAS Armani posso finalmente annunciare che c’è l’aggiudicazione ufficiale. La gara è stata vinta dal Consorzio Integra Soc Coop – Consorzio Stabile Infrastrutture di Bologna. L’importo complessivo dell’investimento per il primo stralcio è di circa 87 milioni di euro.

Ora si deve procedere con la maggiore velocità possibile nella progettazione esecutiva. Il finanziamento dell’opera, correva l’anno 2013, è stato uno dei miei primi grandi impegni da parlamentare. C’è voluto troppo tempo, ma oggi finalmente facciamo un passo avanti fondamentale verso un’opera che Vicenza e i vicentini attendono e meritano

Read More

Province – Nuovi importanti fondi per la manutenzione delle strade

Posted by on 18, lug, 2016 in sulla Stampa | 0 comments

La scorsa settimana in Commissione Bilancio della Camera dei Deputati abbiamo approvato un emendamento che destina 48 milioni di euro alle Province per interventi di manutenzione ordinaria da effettuare sulla rete viaria. La novità, introdotta nell’ambito della discussione degli emendamenti al decreto legge 113/2016 in materia di Enti Locali, si aggiunge ai 100 milioni già previsti nella Legge di Stabilità.

Si tratta di risorse che sono una boccata d’ossigeno per le Province in un impegno che è prioritario: la manutenzione delle strade. Cura delle strade significa infatti non solo una mobilità più efficiente ma anche una maggiore sicurezza per chi le percorre. Già nello scorso dicembre con la Legge di Stabilità avevamo introdotto misure significative di supporto alle Province. Ora abbiamo fatto un altro passo avanti

Read More

Vicenza – Sulla tangenziale un’attesa inaccettabile. Ora basta indugi

Posted by on 15, lug, 2016 in sulla Stampa | 0 comments

FG_tangenziale_viAll’inizio del mio mandato parlamentare mi sono impegnato per chiedere e ottenere il cofinanziamento statale per la tangenziale di Vicenza. Da allora sono passati due anni ed i lavori non sono stati ancora assegnati. La pazienza è finita ed entro luglio il nome della ditta vincitrice deve saltare fuori.

Sto per depositare un’interrogazione in Commissione Trasporti che chiede al Governo e all’ANAS di spiegare formalmente i motivi dei ritardi.

Read More

Finanza etica – Approvata la mia risoluzione per introdurre incentivi fiscali

Posted by on 15, lug, 2016 in sulla Stampa | 0 comments

Nei giorni scorsi la Commissione Finanze ha approvato una mia risoluzione sulla finanza etica e sul microcredito. Nella riforma complessiva del sistema bancario che stiamo attuando, credo sia infatti importante prevedere azioni specifiche per questi due settori la cui attività va sostenuta anche a livello fiscale, perché orientata alla comunità, al territorio e allo sviluppo sostenibile. La finanza etica potrebbe essere il terzo pilastro del sistema bancario. Un mondo innovativo, capace finora di stabilire modalità originali di erogazione del credito e di impiego di capitali con effetti particolarmente positivi per il nostro tessuto sociale e imprenditoriale.

Per questo ho deciso di chiedere al Governo impegni precisi. Al fine di valorizzare le banche orientate a finanziare attività che rispecchiano determinati requisiti di responsabilità sociale e ambientale, ho chiesto iniziative normative:

- per stabilire una definizione di finanza etica cui collegare forme di incentivazione fiscale;

- per salvaguardare gli istituti di finanza etica dagli eventuali versamenti aggiuntivi che potrebbero essere richiesti da parte del Fondo di risoluzione nazionale;

- di prevedere meccanismi premiali per l’investimento in capitale proprio, attraverso agevolazioni fiscali e incentivazione alla destinazione degli impieghi in particolari forme di investimento nel no-profit.

Rispetto al microcredito la risoluzione chiede invece al Governo di assumere opportune iniziative normative volte a valorizzarlo come strumento di inclusione sociale, di supporto all’imprenditorialità e al lavoro e di contrasto all’esclusione finanziaria in particolare attraverso:

- l’incremento del limite di importo massimo di credito concedibile fino a 100.000 euro rispetto agli attuali 75.000 euro;

- l’ampliamento dei limiti al tipo di imprese finanziabili;

- la promozione dell’ampliamento dell’attività di microcredito, attraverso la possibilità di prevedere il sostegno all’avvio e allo sviluppo di attività di lavoro autonomo o di impresa, organizzate in qualsiasi forma, e l’inserimento di persone fisiche nel mercato del lavoro;

- per gli operatori di finanza mutualistica e solidale, la previsione infine di un’apposita sezione separata del Testo unico bancario al fine di evitare l’equiparazione dell’attività delle Mutue di autogestione a quella di microcredito, in termini di procedure di autorizzazione all’attività e di rispetto dei vincoli previsti per tali soggetti.
Anche in un mondo come la finanza, c’è bisogno di più etica: no ai banchieri a vita, no agli stipendi da milioni e milioni di euro, sì a una finanza orientata al bene comune che spinga anche sulla responsabilità sociale dell’impresa e dei cittadini. Per questo ho chiesto al Governo di aprire una nuova stagione per la finanza etica e il microcredito, con misure urgenti e puntuali. Anche da qui passano infatti non solo nuove opportunità di erogare credito ad aziende e famiglie, ma anche la speranza di poter costruire un’economia civile dove ricerca del profitto e ricerca della felicità pubblica possano camminare insieme.

Read More